Il Museo d’Arte Sacra San Martino è collocato nel palazzo edificato nel tardo Cinquecento dai conti Tasso, poi acquistato nel 1670 dalla famiglia Pellicioli detta del Palazzo.
I primi interventi sull’edificio risalgono al 1994, contemporaneamente alle ultime fasi di restauro delle sagrestie. La decisione di procedere sia alle opere di restauro che alla creazione dello spazio espositivo nasce dalla lungimiranza e della volontà del parroco monsignor Alberto Facchinetti, che, fin dall’inizio del suo mandato, comprese l’enorme importanza non solo artistica, ma anche pastorale del patrimonio presente nella parrocchiale. La ristrutturazione del palazzo e la realizzazione di tutti gli spazi espositivi sono stati progettati dall’architetto Carlo Panigada, che ha anche seguito i lavori di restauro delle sagrestie. Il fabbricato, in condizioni di estrema precarietà, ha richiesto un intervento di ristrutturazione complesso e di difficile adattamento alla nuova destinazione. Sono state ricavate, su tre piani, quattordici sale espositive, locali per eventi culturali e conferenze, oltre agli ambienti per uffici ed archivi.... Vai sito museo ->